L’appalto per la gestione unitaria del ciclo di raccolta rifiuti urbani ed assimilati ed igiene urbana nei comuni di Grassano, Grottole, Miglionico e Pomarico deve essere rifatto. Lo ha stabilito il Tar Basilicata accogliendo il ricorso presentato da Pellicano Verde, che aveva chiesto l’annullamento della determinazione 469-18 della Provincia di Matera, con la quale era stata disposta l’di aggiudicazione in favore di Progettambiente dell’appalto in questione. Successivamente, proprio la controinteressata aveva, a sua volta, presentato ricorso incidentale, chiedendo l’esclusione della ricorrente, in quanto l’offerta tecnica presentata da quest’ultima sarebbe stata in più parti difforme della legge di gara.

Una vicenda complessa, dunque, che ha visto anche il Comune di Miglionico costituirsi in giudizio per eccepire l’infondatezza del ricorso presentato da Progettoambiente. Il Tribunale Amministrativo Regionale, composto dal presidente, Giuseppe Caruso, dal consigliere Pasquale Mastrantuono e da Benedetto Nappi, primo referendario ed estensore, ha ritenuto di accogliere il ricorso principale, in quanto “l’articolo 1 del capitolato tecnico prestazionale ricomprende tra le prestazioni dovute dall’affidatario quelle di acquisto e distribuzione di ogni tipo di sacchetto, anche bio-compostabile, che il Comune associato decidesse di fornire, con oneri di acquisto a carico della ditta appaltatrice. Secondo il collegio, dunque, la Progettambiente avrebbe condizionato la propria offerta.

Il Tar, però, ha anche ritenuto di accogliere il ricorso incidentale della Progettambiente, in quanto la Pellicano Verde avrebbe indicato una fornitura di automezzi inferiore a quella minima prevista dal capitolato di gara. Infine, il collegio ha ritenuto anche che la valutazione della commissione di gara risulti affetta da motivazione insufficiente, in quanto non “traspaiono né il rilievo della significativa difformità dell’offerta, né le considerazioni che sostanziano l’attribuzione di un punteggio superiore alla soglia minima prevista dal capitolato”.

Commenta l'articolo