Il tuo borgo è sempre più spopolato? Non c’è problema: con il progetto “The Italian Sabbatical” i turisti potranno diventare cittadini temporanei e aiutare a risollevarne le sorti.

L’iniziativa è di Airbnb e della onlus Wonder Grottole, che hanno lanciato il progetto con il quale i quattro turisti prescelti potranno produrre olio, coltivare prodotti locali, cucinare a casa di un’anziana signora per imparare le ricette del posto. Insomma, immergersi nella cultura e nella natura di un luogo incantevole come Grottole, e partecipare alla vita di questo borgo in provincia di Matera, contribuendo alla sua rinascita.

Grottole è a pochi chilometri dalla capitale europea della Cultura 2019, e rischia di diventare un borgo fantasma. Proprio per questo i ragazzi di Wonder Grottole, una onlus locale impegnata nella “rigenerazione urbana”, si sono messi in testa di ridare vita alla cittadina e, insieme con Airbnb, hanno messo in piedi il progetto The Italian Sabbatical.

Lo scopo è trovare quattro volontari da tutto il mondo pronti a trasferirsi nel piccolo borgo, per diventare cittadini temporanei.

“Il nostro sogno è ripopolare il centro storico di Grottole – racconta Andrea Paoletti, fondatore di Wonder Grottole -. In 10 anni vorremmo vederlo pieno di persone di culture diverse, perfettamente integrate con la comunità locale”.

Ma come si articolerà il progetto?

I prescelti dovranno svolgere prima un training di un mese. Che gli permetterà di entrare in contatto con la cultura e le tradizioni locali. Poi saranno pronti per accogliere i viaggiatori in visita nel centro storico. Ed anche a gestire i soggiorni in una tipica casa locale.

Parallelamente, i quattro fortunati potranno lavorere nell’orto della comunità e dovranno imparare a cucinare le ricette della gastronomia locale.

Questi i requisiti per partecipare alla selezione:

1)avere più di 18 anni;

2)conoscere la lingua inglese;

3)essere disposti a trasferirsi da giugno ad agosto 2019 a Grottole.

Per maggiori info e per le candidature è attivo il sito www.italiansabbatical.com.

Commenta l'articolo