Promuovere lo sport per tutti e senza barriere. Generando un cambiamento culturale e sociale. E’ il tema affrontato nell’aula magna dell’Università degli Studi della Basilicata, a Potenza, nel convegno “Sport Studio e Inclusione”. A moderare Mario Giugliano, delegato regionale FINP Basilicata. Presenti la Prorettrice alla Disabilità dell’Unibas e componente della CNUDD Basilicata, Paola D’Antonio; il Presidente del CIP Basilicata, Michele Saracino; la Direttrice dell’INAIL Basilicata, Lucia Carmen Angiolillo; il Presidente del CONI Basilicata, Leopoldo Desiderio; il Direttore regionale dello Special Olympics, Filippo Orlando; Debora Infante, Provveditore agli studi della provincia di Potenza ed esponenti di rappresentanza di ASP e Regione Basilicata. Rivolto a tutte le associazioni sportive, privati e scuole che vogliano realizzare progetti in grado di portare un sostegno efficace alla diffusione della pratica sportiva tra persone con disabilità fisiche, sensoriali e intellettivo relazionali.

Lo sport è un validissimo mezzo di inclusione sociale e uno stimolo efficace per riprendere in mano la propria vita. Soprattutto dopo aver subito danni gravi da incidenti o problematiche legate alla salute. Che portano a disabilità di qualsiasi tipo. Lo sport e la disabilità sono elementi che viaggiano insieme. Bisogna tenere sempre alta l’attenzione sul raggiungimento di temi fondamentali come l’integrazione e l’inclusione, soprattutto grazie alla pratica sportiva. Finalizzata alla ripresa fisica e mentale della persona.

Grazie a attive collaborazioni tra CONI, CIP, SPECIAL OLYMPICS, MIUR e l’UNIBAS, che da tempo si impegnano affinché questo messaggio sia sempre più alla portata di tutti, bisogna continuare a fare rete insieme per continuare a dare messaggi positivi pieni di grinta e tenacia. Soprattutto a coloro che hanno bisogno di rimettersi in gioco e possono e vogliono farlo con lo sport.

Paola D’Antonio, ha evidenziato quanto in Unibas lo sport possa potenziare le azioni di integrazione degli studenti, in percorsi accademici in cui la disabilità è sempre stata vista come una risorsa per tutta la comunità.

Grande emozione il momento in cui si è onorata la figura e l’operato di Lillino Polese, Presidente CIP scomparso ad agosto scorso, con il suo straordinario e prezioso impegno è riuscito a dare vita al nuovo centro informativo CIP.

Il Presidente del CIP Basilicata Michele Saracino “lo sport può aggiungere un ulteriore tassello al processo di inclusione e mi auguro che a questa iniziativa possa conseguire l’apertura di più sportelli di informazione sull’attività del CIP a livello regionale”.

Illustrato dal direttore dello Special Olympics Basilicata, Filippo Orlando, il progetto scuola sancito dal protocollo d’intesa con il MIUR con i vari programmi mirati per le scuole di ogni ordine e grado.

Piero Miolla

Commenta l'articolo