Un progetto di rigenerazione urbana e community art finalizzato alla realizzazione di installazioni ambientali a Milano e Matera. Lo ha ideato il pisticcese Angelo Caruso, si chiama “Color Earth” ed è curato da City Art in collaborazione con la Fondazione SoutHeritage per l’arte contemporanea e Open Design School, nel quadro di Matera 2019 Capitale Europea della Cultura.

“Si tratta – ha spiegato Caruso – di un’operazione artistica pensata per riportare l’attenzione del pubblico su valori sempre più trascurati dalla società globalizzata, come la salvaguardia del territorio e la crescita sociale ed economica nel rispetto della qualità della vita degli individui e delle comunità. Un’opera d’arte a carattere ecologico e ambientale, ma soprattutto un grande motore di aggregazione e attivazione di processi virtuosi nello sviluppo della qualità urbana”.

Il progetto verrà realizzato in due momenti distinti, tra la Lombardia e la Basilicata.

“Sì – ha confermato Caruso -: a Milano, c’è Color Earth – Linea Rossa, per il quale il 23 e il 24 marzo si svolgerà la semina di papaveri rossi, in un’azione collettiva condivisa con i cittadini e le associazioni. La semina avverrà nello spartitraffico di viale Monza fino a Sesto San Giovanni. L’istallazione vuole essere un segno effimero che rimanda alla sottostante linea 1, la metropolitana rossa, un’arteria vitale che percorrendo la città esprime lo spirito di una Milano che negli ultimi anni è sempre più impegnata a integrare e rammendare il centro con la periferia. Il progetto coinvolgerà cittadini e condomini, associazioni del territorio e commercianti, attivando anche i più giovani grazie al coinvolgimento di diverse scuole, che hanno preparato gli spaventapasseri a difesa dei semi da posizionare nello spartitraffico”.

C’è, poi, la versione lucana. “A Matera, nel mese di aprile si svolgerà la semina di girasoli di “Color Earth – Linea Gialla”, con la collaborazione delle associazioni locali, in un’area del quartiere Agna le Piane, nei pressi del “Casino Padula”, luogo centrale nel palinsesto di Matera 2019-Capitale Europea della Cultura. L’installazione andrà a rammendare-unire alcuni spazi di una parte di città ancora incompiuta e periferica, creando una routeflowers che si espande fra zone trascurate e residuali”.

La ricerca artistica di Caruso si distingue per azioni d’arte sociale realizzate con l’obiettivo di incoraggiare il senso comunitario e la convivenza tra diverse culture, con opere e installazioni site specific poetiche e spiazzanti, incastonate nei luoghi urbani. L’artista lucano è interessato a “un’evoluzione dinamica dell’arte pubblica sviluppata con azioni artistiche mirate, condivise dal basso attraverso diverse modalità di partecipazione, in cui gli aspetti formali e poetici, non sono slegati dal contesto urbano, ma tengono conto delle emergenze sociali spesso presenti nelle aree decentrate”.

Piero Miolla

Commenta l'articolo