Tre alberi sradicati a causa del forte vento, che ha prodotto anche la caduta di rami da altri alberi in centro abitato, quasi cinque centimetri di neve e scuole chiuse. E’ il primo bilancio della nuova perturbazione che ha investito Stigliano (e tutta la provincia di Matera), dove da ieri notte è ricomparsa la neve, arrivata a quasi 5 centimetri.

Gli alberi sono caduti sulla strada comunale “Acinello”, sulla Chiascione e sulla provinciale ex 103.

“La temperatura intorno ai 4° – ha spiegato il sindaco, Francesco Micucci – agevola gli interventi di spazzamento attivati alle 4.30 di stamattina”.

Micucci ha chiuso le scuole per oggi e ha convocato il Coc (Centro Operativo Comunale). Di seguito la nota del sindaco di Stigliano:

“VISTE le consistenti nevicate che hanno interessato il territorio comunale dalle 3 di questa mattina;

CONSIDERATO che le abbondanti precipitazioni nevose hanno compromesso la viabilità interna ed esterna del territorio comunale e causato difficoltà alla circolazione stradale;

RILEVATO

  • che per le particolari caratteristiche della morfologia urbana, alcune aree, soprattutto nelle zone più elevate, a causa delle basse temperature annunciate, saranno interessate da gelate con conseguente formazione di lastre di ghiaccio;
  • che, pertanto, la viabilità cittadina può risultare fortemente compromessa;
  • che ampia parte delle scuole cittadine accoglie una popolazione scolastica proveniente anche da zone limitrofe interessate dalle difficili condizioni meteorologiche;

RITENUTO di dover disporre provvedimenti a garanzia della sicurezza pubblica, prevenendo le condizioni di pericolo per la pubblica e privata incolumità dei cittadini e, soprattutto, dei minori costituenti la “popolazione scolastica” di ogni ordine e grado;

VISTI gli artt. 50 comma 5 e 54 comma 2 del D.Lgs. n. 267/2000 e ss.mm.ii.

ORDINA

per i motivi di cui in narrativa, la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado di questo Comune per martedì 12 marzo 2019.

RACCOMANDA

alla popolazione di limitare la mobilità ai soli spostamenti strettamente necessari.

L’osservanza della presente ordinanza è demandata ai Dirigenti scolastici, al Comando Stazione Carabinieri, al Comando Stazione Carabinieri Forestali, al Comando di Polizia Municipale, all’Ufficio Tecnico comunale, a ciascuno secondo le proprie competenze”.

Commenta l'articolo