E’ la bernaldese Martina Pia Bernini la prima baby arciera lucana a qualificarsi per le fasi nazionali del Trofeo Pinocchio. E’ stato questo uno dei responsi delle finali regionali del prestigioso torneo giovanile, riservato ai ragazzi della scuola primaria e secondaria di primo grado, che si sono svolte, nella sua fase, cosiddetta “invernale”, tra le mura del PalaGalilei di Bernalda. La Bernini ha vinto nella categoria Arco Olimpico F2. Tra gli altri risultati della giornata, nell’Olimpico F1 ha primeggiato un’altra bernaldese, Lorena Pia Berdicchia. Mentre nel settore Olimpico GF, l’ha spuntata la potentina Marianna Milano degli Arcieri Lucani. Davanti a Raffaele Di Candia degli Arcieri Bernalda e alla compagna di squadra Ludovica Marchese. Nell’Arco Olimpico GM ha prevalso Flavio Pio Ferrara, degli Arcieri Bernalda, che ha preceduto Vincenzo Iovanni degli Arcieri Venosa 06. Medaglia di bronzo per Antonio Silletti, pure lui del team di Bernalda. Nell’Arco Olimpico M1 hurrà per Niccolò Rizzuti degli Arcieri Lucani di Potenza, mentre il suo collega di scuderia Mattia Mazzilli ha primeggiato nell’Olimpico M2, davanti al bernaldese Leonardo Christian Belisario.

Nella gara di Bernalda si assegnavano anche i titoli a squadre, sia nel settore maschile che femminile. Tra i maschietti del settore Giovanissimi la vittoria è andata all’Asd Arcieri Bernalda, composta dal trio formato da Flavio Pio Ferrara, Antonio Silletti e Rocco Porcelli.

Tra le Giovanissime, invece, l’hanno spuntata le Arciere Lucane di Potenza, il cui gruppo era composto da Marianna Milano, Ludovica Marchese e Noemi Rizzuti.

Il Trofeo Pinocchio tornerà in campo, sempre a Bernalda, il 4 maggio, con la fase estiva del torneo, che assegnerà nuovi posti per le finali italiane che si svolgeranno il 6 e il 7 luglio a Torino, in quel di Venaria Reale.

Per quanto riguarda le competizioni federali senior e junior, invece, l’appuntamemnto è fissato per il prossimo weekend del 16 e 17 marzo a Matera, con la gara interregionale, a cura degli Arcieri dei Sassi.

Angelo Morizzi

Commenta l'articolo