Musica jazz di livello internazionale, domani sera (15 aprile), a Bernalda. Protagonista, dalle 21, 30, negli spazi a bordo piscina del Giardino Giamperduto, il famoso trombettista  e cantante newyorkese Benny Benack III. Si esibirà in quartetto, accompagnato dal noto contrabbasista bernaldese Giuseppe Venezia, dal batterista partenopeo Elio Coppola,  ormai uno dei sideman più richiesti in Italia, e da Daniele Cordisco, considerato tra i migliori chitarristi jazz d’Europa.

La tappa bernaldese fa parte di un ricco calendario di date, che il variegato gruppo di artisti sta tenendo in tutti gli angoli della penisola italiana. In un tour che sta riscuotendo ampi consensi di pubblico e di critica. Alla fine del 2018 i quattro hanno affrontato un’impegnativa tourneé negli Stati Uniti d’America, ospiti nei migliori club, tra cui l’Hard Rock Cafè di Atlantic City, il Deer Head Inn di Delaware, il Mezzrow, lo Smalls di New York e tanti altri.

Il programma della serata di Bernalda, sarà incentrato sulla loro ultima fatica discografica “Kiss me Slowly”, anche se non mancheranno sorprese, che renderanno il concerto un evento davvero “unico”. Fiore all’occhiello di Benack III è la sua versatilità, che traduce in una completa padronanza del linguaggio jazzistico. Da trombettista ha vinto prestigiosi premi internazionali. Il quartetto con Venezia. Coppola e Cordisco nasce dall’idea di promuovere il genere musicale, fra innovazione e tradizione. L’ensemble proporrà, nel concerto in terra jonica lucana, una ricca rassegna di brani, oltre che la loro recente creatura discografica.

L’atmosfera intima e accogliente del Giardino Giamperduto, diretto dall’imprenditore e scrittore Francesco Montemurro, provvederà, poi, a fare l’ulteriore differenza. Con l’intento di trasformare il classico e noioso lunedì sera in una serata davvero speciale. Ingresso gratuito. Per info e prenotazioni  telefonare ai numeri 327/ 4225695 , 366/ 6171093 e 339/1079796.

L’iniziativa rientra nel quadro della rassegna “One night live”.

Angelo Morizzi

Commenta l'articolo