La vittoria nel derby con il Futura Matera è stata sofferta, ma, alla fine, meritata. La Rasulo Edilizia Bernalda ha mostrato, alla distanza, la sua superiorità tecnica ed atletica, ma anche il carattere di una squadra che saprà lottare fino alla fine nella fase dei playoff per la promozione in A2. Il patron Sanny Rasulo elogia la prova dei suoi ragazzi:

“Non abbiamo mollato mai – dice –. Abbiamo saputo soffrire, recuperando per due volte lo svantaggio e trovando, poi, le forze per imporci. Anche se, concedendo troppo agli avversari nella fase inizale dei match, si è dovuto faticare più del lecito”. Grande prova per l’universale brasiliano Luiz Caetano, autore di una tripletta: “Ci aspettavamo di soffrire con il Futura. Perché nessuno vuol regalarci niente. Tutti, contro di noi, fanno la partita della vita. Abbiamo avuto pazienza e, con ordine e determinazione, siamo risuciti a portare a casa il risultato positivo. Il nostro segreto è non mollare mai. Anche quando siamo in difficoltà, cerchiamo sempre di imporre il nostro gioco. Seguendo le indicazioni che il mister Flavio Do Amaral ci passa durante la settimana. Quanto al secondo posto da difendere, a una sola giornata dal termine della stagione regolare, bisogna rimanere concentrati. La sosta pasquale ci servirà per registrare meglio la difesa. Comparto che sarà fondamentale nella seconda fase decisiva. Poi ci recheremo nel testa coda di Bisceglie, per cercare un’altra vittoria”.

Il portiere, ex Lazio, Leonardo Del Ferraro, aggiunge: “Quando arrivi alla fine del torneo, pensando ai playoff, ci sta di soffrire per importi. Il Futura Matera aveva la testa più sgombra della nostra. Il nostro successo era fondamentale per rimanere secondi. Loro, invece, erano già salvi. Hanno fatto subito il gol e si sono messi dietro, a difendere, mettendoci in difficoltà. Tuttavia conosciamo i nostri mezzi, pur non avendo ancora fatto niente. Siamo un grandissimo gruppo, dentro e fuori dal campo. Con tanti giovani forti e interessanti”.

Angelo Morizzi

Commenta l'articolo