Approvato a maggioranza, dal Consiglio comunale di Bernalda, il Dup, il Documento unico di programmazione per il triennio 2019-2021. A presentarlo l’assessora dimissionaria al Bilancio Francesca Matarazzo, che ha sottolineato come il documento abbia la funzione di collegare il mandato amministrativo con le azioni da mettere in campo, e che, successivamente, troveranno un riscontro nel Bilancio di previsione.

Matarazzo si è quindi soffermata su tutta una serie di opere ancora in itinere, in via di completamento nell’arco dell’anno in corso. Riguarderanno vari ambiti settoriali, sia a Bernalda che a Metaponto. Con relative attribuzioni finanziarie. Per il sistema integrato delle piste ciclabili sono stati stanziati 120 mila euro. Altri 100 mila saranno spesi per la ristrutturazione della palestra di Metaponto borgo. Quindi le grandi opere del Contratto di Quartiere, appena avviato, e su cui poggia un investimento di ben 2 milioni e mezzo di euro. O ancora l’intervento di ristrutturazione del Castello Medievale di Bernalda, con una spesa complessiva di 2 milioni e 200 mila euro. Non mancano gli adeguamenti alle scuole.

<<Per quella di Metaponto Borgo – ha aggiunto Matarazzo –  sono stati stanziati 396mila euro, mentre 521 mila serviranno per l’ampliamento del cimitero. Quindi la realizzazione dell’asilo nido comunale, per un importo di 285mila euro, mentre 75mila saranno spesi per la creazione di un parco giochi per bambini. Infine, tra gli interventi più sostanziali, va citato il ripristino e la messa in sicurezza delle strade rurali, con un impegno finanziario di 200mila euro. Il Dup – ha concluso Matarazzo – costituisce il frutto di una programmazione pluriennale, spalmata su un triennio>>.

Insoddisfatte le opposizioni. Per il capogruppo di Articolo Uno Gennaro Collocola <<si tratta del solito elenco di cifre, privo di una visione politica  strategica>>. Secondo Franco Carbone ( Svolta di Centrodestra), invece, <<si continua a operare senza neppure consultare le minoranze. Con atteggiamento  arrogante>>.

Angelo Morizzi

Commenta l'articolo