Questa settimana chiamata “Santa”, è la più importante di tutto l’anno liturgico e culminerà nella festa delle feste che è la Pasqua del Signore Gesù Cristo che ha sconfitto la morte “.

Sono le parole iniziali del messaggio rivolto agli operai e dirigenti della Valbasento da parte dell’Arcivescovo di Matera, Monsignor Giuseppe Caiazzo, in  occasione della Pasqua di Resurrezione. “Ci stiamo preparando a questo grande evento che è il  “precetto pasquale” che da quest’anno ho voluto ripristinare  ripartendo da questi luoghi  in cui mettete a disposizione ingegno, capacità, forze. Ringrazio don Giuseppe Ditolve, parroco di Pisticci Scalo per l’impegno profuso nella organizzare questa celebrazione e don Filippo Lombardi direttore della Pastorale Sociale  e del lavoro. Simbolicamente – si legge ancora nel messaggio –  rappresentate tutti gli  operai  e le aziende della intera Valbasento. Una volta presenti a migliaia, attualmente poche centinaia .Nel vangelo si parla  di Gesù  che prepara e celebra la Pasqua con i suoi discepoli, con cui condivide la quotidianità:  gioie e dolori, momenti di esultanza e  persecuzione,  di osanna e di tradimenti. Sentimenti espressi  proprio a tavola, momento di maggiore comunione. Giuda che intinge nello stesso piatto di Gesù, lo tradisce .Di certo non lo tradisce per denaro.  Lo avrebbe voluto più deciso, combattivo, pronto a mettersi a capo dei rivoluzionari per scacciare i romani. Tutto questo non avviene e Giuda senza rendersene conto, soccombe al potere che lui stesso contesta. Scende a patti col potere politico religioso ed è pronto a vendere Gesù. Una scelta infausta che induce il discepolo alla  disperazione  e alla morte: si suicida. Anche noi – prosegue don Caiazzo – ci troviamo attorno a questa mensa pasquale. Siamo in un clima di festa e nello stesso tempo di preoccupazione e tensione. Tante industrie aziende nel  corso  degli anni sono nate in questa stupenda valle. Tante speranze e certezze per molte  famiglie  sono venute meno. Tanta precarietà e delusione hanno preso il sopravvento. Ho avuto  modo  di visitare  buona parte delle vostre aziende  e di intrattenermi con tanti di voi. Ho visto apprezzati i tanti sforzi che state facendo per continuare o avviare  piccole  o medie aziende nel rispetto dell’uomo e dell’ambiente. E questo ci fa ben sperare. Necessitano  tuttavia, politiche serie e concrete per guardare positivamente al futuro e invertire una tendenza disastrosa”.

Avviandosi alla conclusione del suo messaggio, Caiazzo affronta  anche  quella che definisce “ violenza ambientale “ che viene perpetrata su queste terre: “scelte politiche errate  fatte in passato di cui paghiamo lo scotto” . Celebrare la Pasqua  significa “passare” dalla morte alla vita, dalla schiavitù alla liberazione. Significa risorgere! E la resurrezione è possibile se crediamo in quello che facciamo e progettiamo, sapendo guardare lontano. Resurrezione significa avere il coraggio di sentirsi sempre più responsabili, agendo e operando per un bene più grande, quello di tutti”.

Michele Selvaggi

Commenta l'articolo