Inizia in serata, alle 19, il Tataranno Bis. La seconda consiliatura nel segno del medico bernaldese che, col 70 % dei voti ha vinto le Comunali del 26 maggio, alla guida della Lista civica “Più Bernalda e Metaponto”. Nella seduta di insediamento ci sarà la ratifica ufficiale dei nuovi eletti, che culminerà con il giuramento del sindaco e l’elezione del Presidente del Consiglio comunale. Sembra favorito l’ex capogruppo di maggioranza Saverio Sarubbo. Quindi la comunicazione dei nuovi assessori, che sono Eliana Acito (vice sindaca con deleghe a Urbanistica, edilizia privata, lavori pubblici, trasporti, viabilità e mobilità, agricoltura e cooperazione territoriale); Domenico Calabrese (Bilancio, turismo, attività produttive e commercio), Nicola Grieco (referente a Patrimonio, tutela di suolo,costa e mare, protezione civile e sport) e, infine, Antonella Marinaro (delegata a Scuola, politiche dell’infanzia, servizi sociali, risorse umane e gestione del personale). Al sindaco Tataranno resteranno le deleghe, momentanee, a  verde, igiene urbana e Metaponto, che saranno poi affidate a un quinto assessore.

Dopo la nomina della Commissione elettorale, Tataranno illustrerà le linee programmatiche. Quindi la costituzione dei gruppi consiliari e la nomina delle commissioni permanenti. Prevista anche una modifica allo Statuto comunale e una variazione di bilancio. I lavori saranno conclusi  con l’esame e l’approvazione del Regolamento municipale. Non è escluso che si affronti, in assemblea, lo spinoso caso dell’esclusione di Bernalda e Metaponto dalla Zes, la zona economica speciale. Anche in seguito a una precisa interpellanza presentata al sindaco, dal gruppo di opposizione capitanato da Titty Pizzolla. Tataranno ribadisce “le opportunità che il territorio produttivo avrebbe con l’inserimento nella Zes, potendo contare su aree di pregio, già in gran parte urbanizzate e in posizione strategica (Pip, Sin, Pantanello). Si è lavorato molto perché ciò accadesse. Ma, per tutta risposta, la Regione Basilicata non ha preso in considerazione le legittime richieste da me avanzate”.

Sui social ex politici o semplici cittadini gridano allo scippo, lamentando “il lungo silenzio tenuto sulla vicenda”.  Forum Democratico invita “a unire la protesta per l’inserimento in Zes, dell’area baricentrica di Bernalda e Metaponto, posta sullo snodo viario delle direttrici tirrenico-adriatica-ionica”.

Angelo Morizzi

Commenta l'articolo