La banda si muoveva di notte ed era dedita, secondo le forze dell’ordine, a svaligiare appartamenti. Avrebbe agito anche in Basilicata, oltre che nel Nord barese, nella murgia e in Calabria.

I carabinieri di Andria, in collaborazione con i colleghi del Comando provinciale di Potenza, hanno arrestato quattro persone di nazionalità georgiana specializzati in furti e ricettazione: si tratta di 4 uomini, tutti con precedenti penali, di età compresa tra 37 e 45 anni, ora in “gattabuia” a Trani. Le indagini hanno avuto inizio a gennaio, dopo alcuni furti perpetrai in appartamenti di Minervino Murge e Spinazzola, in provincia Bat, anche se la banda è accusata pure di altri furti avvenuti a luglio e agosto in provincia di Bari, a Potenza e in Calabria.

Identico il modus operandi: dapprima effettuavano sopralluoghi sugli obiettivi, lasciavano sotto le porte delle case prese di mira pezzetti di plastica fluorescenti e, se non venivano spostati nei giorni successivi, per loro il via libera allo scasso era automatico, quasi sempre portato a termine tra la 1 e mezza e le 2 di notte.

I fermi sono scattati il 18 agosto, su disposizione del pubblico ministero di Trani, Giuseppe Aiello, che ha coordinato le indagini, con queste modalità: due dei quattro sono stati bloccati all’alba a Potenza. Erano in un’auto che, secondo le forze dell’ordine, era pronta a entrare in azione. Gli altri due, invece, sono stati fermati a Bari, proprio mentre secondo i Carabinieri, stavano per raggiungere i connazionali in Basilicata.

Effettuata una perquisizione, i militari hanno recuperato monili in oro, orologi e valuta estera per un valore complessivo di circa 10mila euro.

Commenta l'articolo