Nell’incantevole terrazzo della Casa Museo “Albino Pierro”, domenica 11 agosto alle ore 20,00, ci sarà la presentazione del libro di Pino Rovitto “Le parole scomparse. Dizionari innamorati senisari e lucani”. Un testo ricco di curiosità dialettologiche, culturali, e soprattutto umane e suggerisce una ricerca, un percorso che, attraverso i mondi nascosti delle parole dei dialetti, guida il lettore verso mille scoperte, verso una sintassi accettabile della vita. 
“Le parole scomparse” è un libro che, attraverso la contaminazione di generi – il saggio, la memorialistica filologica, la meta-narrazione e la poesia – fa parlare la realtà e ci aiuta a dare senso al passato e, soprattutto, al futuro. Tutte le parole non più nominate si rattristano, iniziano a sentirsi abbandonate e, alla fine, solitarie, muoiono. Poi un bel giorno qualcuno, pronunciandole, può richiamarle in vita: obbligarle a reagire, a rimettersi in gioco, a svegliarsi dal loro lungo sonno, a tornare a illuminare, di nuovo, il nostro orizzonte.
Rovitto, sociologo e scrittore di origini lucane (di Senise), è tra i vincitori della sesta edizione del premio letterario nazionale “Salva la tua lingua locale”. Nel corso della serata interverranno: Franco Ottomano, presidente del Centro Studi e del Parco Letterario Albino Pierro, Dino Romano, presidente associazione culturale Radici Motrici, Salvatore Cosma, sindaco di Tursi, Filippo Gazzaneo, docente di Filosofia e critico letterario, e Patrizia Del Puente, docente di Dialettologia e Linguistica dell’Università di Basilicata. Modera la serata Salvatore Verde, giornalista e storico locale. L’evento è organizzato dal Centro Studi e Parco Letterario Albino Pierro e dall’associazione Radici Motrici. 

Commenta l'articolo