Record di folla e di iscritti alla IV edizione della “Bernalda Runners”, gara podistica di 10 Km., inserita nel circuito del CorriBasilicata, organizzata dall’omonima società di atletica. Ben 215 gli iscritti. Tra gli uomini l’ha spuntata Alessandro Marangi, 33 anni, del’Atletica Amatori Cisternino, che ha corso in 32’e 24’’. Ha preceduto sul traguardo di corso Umberto il lucano Rocco Lancellotti del Clyub Atletico Potenza e Massimo Corrado della Cremona sportiva. Tra le donne, invece, ha primeggiato la pugliese Viola Giustino dei Giovani Atleti Bari che, col tempo di 37’ e 15’’, ha sbaragliato la concorrenza di Sumia Labani (Atl. Acquaviva) e Francesca Labianca della Bitonto sportiva. 

In gara, in qualità di testimonial degli atleti trapiantati, Angelo Panio, che vestirà la maglia azzurra della Nazionale ai Mondiali di Newcastle, in programma dal 17 al 24 agosto. Notevole il supporto tecnico della Top Running di Castellaneta e dell’Amministrazione comunale di Bernalda, che è scesa in campo, nella gara non competitiva, con due assessori: Domenico Calabrese, referente al Turismo e Antonella Marinaro, delegata alle Politiche sociali. Puntuale lo speakeraggio del tecnico Fidal Michele Cuoco e soddisfazione evidente negli sguardi degli organizzatori Giuseppe Molinaro, Michele Di Leo, Domenico Di Candia e Giorgio Carriero.

A fine gara le voci dei protagonisti. Per Marangi: “era un percorso impegnativo, che è servito da allenamento in vista di una Mezzamaratona. Era il mio debutto alla Bernalda Runners e l’ho bagnato col successo. Un motivo in più per ritornare l’anno prossimo, utilizzando questa bella gara come prova di allenamento”. Sul fronte femminile Viola Giustino rileva: “Quando mi sono iscritta, immaginavo un percorso meno impegnativo. La Labani era la favorita, ma non era melle migliori condizioni fisiche. Per cui ne ho approfittato per batterla. La Bernalda Runners, a cui ho partecipato per la prima volta, mi serviva come tappa di avvicinamento al campionato italiano dell’8 settembre, per dare ritmo alle gambe. La vittoria é una ventata di fiducia ulteriore”.

Angelo Morizzi

Commenta l'articolo