“Quello che conta è che il bagnante si sia salvato e stia bene. Il resto passa in secondo piano”.

Ha le idee chiare e bada al sodo, Giuseppe Gallicchio, bagnino del lido “La Playa “di Policoro, che il giorno Ferragosto ha effettuato il primo intervento di soccorso in favore di un bagnante di Colobraro probabilmente colpito da problemi alle coronarie. Su quanto accaduto, va ricordato, era stata diffusa una nota da parte dell’Amministrazione comunale di Policoro, nella quale si dava atto dell’intervento del servizio di vigilanza predisposto proprio dal Comune jonico, nota che aveva creato un’ampia discussione in città, visto che coloro che avevano assistito alle operazioni di salvataggio avevano descritto una situazione parzialmente diversa nelle fasi iniziali delle operazioni di salvataggio. Si tratta di dettagli, almeno rispetto al risultato finale, ma è giusto ricostruire quanto accaduto per il verso giusto.

“Ho visto il bagnante in acqua in difficoltà – ha spiegato Gallicchio – tanto da essere andato anche sott’acqua con la testa. Sono subito intervenuto trasportandolo sulla spiaggia. Aveva anche un po’ di schiuma dalla bocca e gli ho praticato un massaggio cardiaco, coadiuvato da un infermiere che era lì nei paraggi, in vacanza. Subito dopo sono arrivati i soccorsi: il 118 che avevamo chiamato, insieme al servizio di vigilanza del Circolo Velico e dei Vigili del Fuoco che in quel momento erano in perlustrazione proprio in quella zona. Preciso che il servizio di vigilanza predisposto dal Comune ci ha sicuramente dato una mano, ma non è stato chiamato: si trovava di passaggio in quel frangente e, ripeto, si è subito messo al lavoro”.

Gallicchio è un bagnino iscritto alla Fisa (Federazione italiana salvamento acquatico) e lavora per lo stabilimento balneare “La Playa”. Al netto di polemiche e contrapposizioni, il giovane bagnino ha voluto ribadire: “Sono contento per l’esito dell’intervento: io ho fatto il mio dovere e l’importante che il bagnante si sia salvato. Il resto, come detto, non conta”.

Piero Miolla

Commenta l'articolo