Le grandi mostre della Festa di San Bernardino. Quest’anno un’esposizione di caratura internazionale, “I miracoli eucaristici nel mondo”. Fu progettata e ideata dal giovane Carlo Acutis (1991-2006), morto di leucemia a 15 anni, di cui oggi è in corso una causa di Beatificazione. Presentata ieri sera a Bernalda, resterà aperta tutti i giorni, fino al 23 agosto, in tre sedi diverse: il Chiostro del Municipio, la Chiesa Madre e la Chiesa dei Santi Medici.

“La mostra ci consentirà di conoscere e apprezzare l’animo profondamente religioso del giovane venerabile e il suo slancio apostolico – osserva don Mariano Crucinio, parroco di “San Bernardino” -. L’intento di Carlo Acutis nel realizzare la motra era proprio quello di confermare la fede, provocando domande in coloro che, invece, faticano a credere”. L’esposizione presenta, mediante un’ampia rassegna fotografica e descrizioni storiche, alcuni dei principlai Miracoli Eucaristici, circa 136, verificatisi nel corso dei secoli, in diversi Paesi del mondo e, poi, riconosciuti dalla Chiesa. I pannelli mostreranno, virtualmente, i luoghi dove sono accaduti quei Miracoli, permettendoci di conoscerne gli avvenimenti. Poiché i pannelli sono numerosi, la mostra, come detto, verrà distribuita su tre siti, ubicati in aree diverse della cittadina, due Chiese e il Municipio.

“La Festa di San Bernardino – rileva don Giuseppe Lavecchia  – rappresenta un’occasione per riconsiderare la nostra comune appartenenza cristiana, sia attraverso le celebrazioni religiose, che mediante alcune proposte, che invitano alla riflessione; pur tra momenti di gioia e di spensieratezza. Assieme alla figura di San Bernardino, genio della comunicazione cristiana nel suo tempo, abbiamo voluto celebrare l’intuizione e l’operato di un govane del nostro tempo, Carlo Acutis, anche lui geniale nel comunicare la fede”.

Angelo Morizzi

Commenta l'articolo