Debutto per niente semplice quello che attende il Ferrandina di Mimmo D’Angelo, impegnato oggi pomeriggio a Senise, contro i bianconeri del Real, nella prima giornata di campionato. Sulla gara in terra sinnica ecco le considerazioni del tecnico dei rossoblù aragonesi.

“Come da consolidata tradizione – ha spiegato D’Angelo – incontreremo una squadra quadrata e ben attrezzata. Dal canto nostro, invece, pur essendo ancora in ritardo, posso dire che finalmente siamo una compagine che ha una sua identità. Il terremoto sportivo registrato a Ferrandina questa estate, infatti, com’era facile prevedere, ha prodotto un periodo di noviziato. Grazie alla passione del presidente Mimmo Pepe, coadiuvato dai suoi collaboratori, penso senza paura di essere smentito che adesso il peggio sia ormai alle spalle. Certo – ha proseguito il tecnico di Ginosa – adesso toccherà amalgamare tutto nel più breve tempo possibile, ma siamo assolutamente fiduciosi”.

Nell’attesa che il gruppo si compatti e acquisisca anche quella forma fisica necessaria per competere efficacemente nella categoria, D’Angelo ha preannunciato: “Già da oggi contro il Real Senise i miei ragazzi sono pronti a gettare il cuore oltre l’ostacolo. L’obiettivo è permettere di tenere alta la storia del Ferrandina e di scrivere pagine che rispettino il suo blasone”. Un compito impegnativo, dunque, che il gruppo agli ordini di D’Angelo è pronto a portare a termine.

Sul fronte formazione, infine, D’Angelo deciderà molto probabilmente solo nelle immediatezze del match quale undici schierare. Ovviamente dopo aver osservato gli effettivi, valutato le condizioni generali della rosa e riflettuto sulla tattica da adottare in campo per tornare da Senise con un risultato positivo.

Piero Miolla

Commenta l'articolo