Forse una delle strutture più attese e allo stesso tempo più annunciate della città di Matera: si tratta dello studentato per gli universitari dell’UNIBAS presso l’ex Ospedale Civile di Matera in via del Castello.

Più volte nella scorsa legislatura abbiamo sollecitato la vecchia giunta per avere delucidazioni sullo stato dei lavori e sui continui blocchi degli stessi, ma come risposta abbiamo ottenuto sempre e solo annunci e scadenze mai rispettate. L’ultimo annuncio risale al novembre 2018 quando, al termine di un sopralluogo da parte dell’allora assessore regionale al ramo, Cifarelli, e da parte della Rettrice dell’UNIBAS, Sole, si faceva riferimento alla fine del 2019 come data ultima per la consegna dei lavori.

Siamo ormai nell’ultimo trimestre del 2019, anno di grandi sfarzi e di grande visibilitá per la città di Matera, ma lo studentato sembra essere finito in fondo alla lista delle priorità. Eppure si tratta di una grandissima opportunità di sviluppo a lungo termine per l’intero territorio che andrebbe capitalizzata al massimo e nel più breve tempo possibile. Matera potrebbe diventare ancora più autorevole a livello culturale se puntasse allo sviluppo del polo universitario, intercettando bacini di utenza come quello pugliese  e calabrese e, vista la grande visibilità internazionale della città, anche numerosi studenti stranieri.

Attendiamo un segnale da parte delle istituzioni sperando che la consegna dello studentato non si trasformi nell’ennesima passerella elettorale in vista delle prossime elezioni comunali a Matera. 

Nel frattempo abbiamo interrogato la nuova giunta regionale per avere notizie sulla consegna dei lavori”.

Commenta l'articolo