Pisticci scalo

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una lettera di Vito Romano, del comitato “Pisticci scalo Pulita”, che chiede al sindaco Viviana Verri, per il tramite de Il Caleidoscopio di rimuovere l’immondizia presente nell’ex quartiere Snam.

“E’, dunque, scrivendo a Il Caleidoscopio che si risolvono i problemi che attanagliano il territorio di Pisticci? A quanto pare, si! Perlomeno quelli che riguardano la monnezza.

Lo dimostra l’articolo pubblicato dal blog di notizie curato da Piero Miolla e documentato da foto che la stessa sindaca, Viviana Verri, ha inviato alla redazione per dimostrare che l’immondizia lasciata in Via Principessa di Piemonte alcuni giorni fa è stata rimossa non appena l’Amministrazione ha preso conoscenza della notizia diffusa da Il Caleidoscopio ieri mattina.

Allora, caro Miolla, mi rivolgo a lei nella speranza di poter risolvere anche a Pisticci scalo il problema della monnezza, più e più volte lamentato non solo dal sottoscritto ma da tanti altri cittadini che non sopportano più di vivere in quello che rimane dell’ex quartiere “residenziale”, abbandonato nel lerciume e nell’incuria da amministratori (sindaca e consiglieri tutti), che se ne ………. dei cittadini.

L’immondizia è il problema più visibile in ogni luogo del quartiere, ma si vedono anche scarafaggi, zanzare, serpenti, cinghiali, pulci, zecche, ratti che, è noto, sono vettori e serbatoi di malattie che fanno paura (salmonellosi, leptospirosi, peste…).

E’ vero, non parlo di un numero elevato, ma la situazione è comunque fortemente preoccupante per la nostra salute perchè la monnezza è tra le condizioni che aumentano la suscettibilità alle infezioni e chi amministra ha l’obbligo di prendere seri provvedimenti a tutela della nostra incolumità, mantenendo con tutti gli interlocutori un rapporto sensatamente collaborativo per l’interesse della comunità che guida, concorrendo ad appagare anche le richieste legittime di quei cittadini che, come me, non hanno votato M5S e, andando in giro nelle frazioni anche senza la fascia tricolore, essere capaci di ascoltare le critiche senza trascurare il dialogo e il rapporto con i cittadini.

Auspico che la nostra sindaca, dopo aver letto l’articolo, provveda opportunamente a pretendere un maggior e migliore servizio alla Teknoservice per la spazzatura delle strade e la pulizia dei prati a Pisticci scalo e che metta in atto un programma serio di disinfestazione, di disinfezione e di derattizzazione, per ridurre l’impatto di potenziali infezioni con la definizione e l’applicazione di misure idonee, così come fa ogni paese o città che dir si voglia “civile”, secondo un calendario per la profilassi programmata per tempo in modo da effettuare nei tempi giusti la disinfestazione antilarvale e quella larvale delle zanzare, il trattamento delle aree a verde di competenza comunale, la fornitura e il controllo di postazioni di esche per la derattizzazione, per i serpenti….

Spero fortemente che la nostra sindaca, dopo questo articolo faccia rimuovere anche a Pisticci scalo, così come fatto a Pisticci, le nuove versioni di “cassetta di sicurezza” e coprire con tavole di legno i tombini con e senza “cassette di sicurezza” esistenti (sono almeno una decina), che aspettano le rispettive griglie da anni nonostante le tante segnalazioni fatte sino ad oggi.

Come ha giustamente scritto la nostra sindaca, gli operai comunali non sempre riescono ad intervenire con la dovuta tempestività a causa delle numerose incombenze su tutto il territorio comunale, però, se è vero com’è vero che ha assicurato di prendere “la  segnalazione come uno stimolo a fare meglio” e visto che le nostre segnalazioni ormai datate non hanno ottenuto il risultato sperato, segnalo le nostre esigenze a mezzo “Caleidoscopio” per gridare insieme “missione compiuta” e vedere foto scattate dalla sindaca a dimostrazione che la collaborazione tra cittadini e le istituzioni funziona.

O non funziona solo per Pisticci scalo?”

Commenta l'articolo