Il Bernalda Futsal fa sul serio già dalle prime gare amichevoli. Specie quando di mezzo c’è un Trofeo. La prima edizione della “Mediterranean Cup” organizzata a Potenza da “Unione Santo Pallone”, ha arriso alla compagine ionica del presidente Franco Grieco. Il team rossoblù, che in questa stagione sarà guidato dal brasiliano Marcio Volpini, ha vinto, nel PalaPergola di contrada Rossellino, entrambe le gare del triangolare con altre due compagini di serie B. Dapprima ha sonoramente sconfitto, per 4-0, l’Alma Salerno, con doppietta di Mario Gallitelli  e reti di Luiz Caetano e del giovane Peppe Grossi. I campani hanno poi ceduto nel secondo match contro i padroni di casa dello Svamoda San Gerardo Potenza per 1-5. Il match decisivo, il derby tra Bernalda e Potenza ha visto i bernaldesi imporsi nel finale, per 4-3, con gol della vittoria di Salvo Murò. In precedenza avevano segnato Orlando Bidinotti, Donato Piliero e Luiz Caetano.

Il diggì Giuseppe Mazzei esordisce, esprimendo compiacimento per l’ottima organizzazione dell’evento sportivo e la cordiale ospitalità mostrata dal presidente potentino Carmine D’Anzi. Poi afferma: “La Coppa Mediterranea è stata una buona occasione per cominciare a provare gli schemi, facendo ruotare tutti gli uomini a disposizione. Non siano mai partiti né con il quintetto titolare né mai abbiamo visto in campo la squadra più forte. Il mister ha voluto valutare alcune situazioni. I ragazzi hanno dato il massimo possibile, considerando che Caetano e Bocca sono arrivati solo da qualche giorno e in porta hanno giocato i giovani D’Amelio e Zito, in quanto il titolare Boschiggia era giunto solo da qualche ora. Col Salerno abbiamo dominato, e potevamo chiudere anche con un punteggio più rotondo. Con il Potenza, poi, in vantaggio per 3-0, a inizio ripresa abbiamo avuto una sorta di amnesia, che ha consentito ai padroni di casa di pareggiare, prima del gol decisivo messo a segno dal nostro Murò. Meritando il successo. Insomma – conclude Mazzei – è stata una bella giornata di sport”.

Angelo Morizzi

Commenta l'articolo