Nicola Carella, coach dell’Asd Black Corner Muay Thai di Policoro, ha vinto la cintura del Patong Boxing Stadium, a Phuket, in Thailandia. Il policorese ha combattuto il match della vita, battendo per ko al terzo round l’atleta di casa Lomhuang, della prestigiosa scuola Thailandese Patong Muay Thai. Una prova sulle righe, quella di Carella, che era al suo terzo match in Thailandia per un match importante, perché in palio c’era la cintura del Patong Boxing Stadium. In uno stadio da brividi, con atmosfera surreale, il match è stato subito duro: nel primo round il thailandese ha assestato diversi calci parati da Carella, che ha pagato un pizzico di emozione e la diversa esperienza. Ma, dal secondo round, è arrivata la svolta: l’atleta jonico ha centrato Lomhuang con un potente gancio sinistro, mandandolo al tappeto. Nel terzo round il thailandese ha provato ad entrare con potenti ginocchiate, ma Carella ha fatto valere la sua boxe mettendolo definitivamente al tappeto.

Match vinto, dunque, e titolo in Italia: per la prima volta un lucano ha conquistato uno dei più importanti e prestigiosi stadi di Muay Thai in Thailandia. “Per me si è avverato un sogno: ho accettato di combattere per il titolo sapendo di avere poche possibilità. Quando me lo hanno proposto, la testa diceva di lasciar perdere, il cuore di accettare. Ha vinto il cuore e ho portato a casa cintura ed emozioni che non dimenticherò mai. Dedico la vittoria a mia moglie, che mi è stata vicina in questo periodo di allenamenti intensi, e ha sofferto e tifato in tribuna, ma anche alla mia famiglia e a mio zio Giando, che ho perso un mese fa. La dedico anche ai miei ragazzi del Black Corner: questa è la dimostrazione che con sacrificio e costanza anche i sogni possono avverarsi”.

Piero Miolla

Commenta l'articolo