Circa 8mila mozziconi di sigaretta raccolti in un’ora. E’ il bilancio della giornata di sensibilizzazione lanciata dal Gpa (Gruppo pro ambiente) sul lungomare di Nova Siri per “sensibilizzare della invasiva presenza dei subdoli mozziconi a cui abbiamo fatto abitudine e che costituiscono una vera e propria emergenza sanitaria per la salute dell’uomo e dell’ambiente”, ha dichiarato Salvatore Scarpato, volontario del Gpa, che poi ha precisato: “Non è stato un ritrovo dei soliti quattro infatuati: eravamo in tanti e molti si sono uniti alla raccolta ed al gruppo.

Il fatto che alcuni adulti ci abbiano chiesto ironicamente cosa avrebbe prodotto la raccolta dei mozziconi e quale ne sarebbe stato il ricavo, mentre nessun giovane o ragazzo ha scherzato, deriso e ironizzato ed, anzi, sono stati interessati ed associati al Gpa dopo aver appreso lo spirito dell’evento, conferma che la speranza di un futuro civile e solidale è ben riposto nelle nuove generazioni: migliori di quello che molti ritengono, e potrebbero dimostrarlo se solo avessero la possibilità di esprimersi”. L’obiettivo dell’iniziativa era anche quello di “ammirare l’happening estemporaneo, rievocativo antropologico di epos partecipativo di riscatto, sofferto ma necessario, del grande maestro Gaetano di Matteo”. In contemporanea, altri 30 volontari hanno raccolto oltre 8 chili di mozziconi da terra, chinandosi mediamente 266 volte ciascuno. Non casuale la scelta del lungomare di Nova Siri: “Occorre un progetto mirato e specifico di sanificazione”.

Piero Miolla

Commenta l'articolo