Riceviamo e volentieri pubblichiamo una nota di Tiziana Pirretti, consigliera comunale di Ferrandina e coordinatrice di Alleanza per il Territorio.

“La decisione del Mibac di accorpare il Polo museale lucano a quello pugliese, rappresenta uno schiaffo sonante a chi in Lucania prova a fare cultura da anni.

La decisione assunta dal Mibac e dall’ex ministro Bonisoli è ancora più inaccettabile se si considera che si colloca nel 2019, anno nel quale l’attenzione e l’interesse mondiale verso Matera ed a tutto il territorio circostante sono ulteriormente cresciuti e sono sempre più oggetto di scoperta ed ammirazione.

Il provvedimento del Mibac, sopprimendo l’autonomia funzionale ed amministrativa del Polo museale regionale della Basilicata, inevitabilmente finirà per compromettere le aspettative di rilancio economico del territorio provinciale ed anche regionale, strettamente collegate alla valorizzazione e promozione dei beni culturali ed ambientali, in quanto considerate la principale risorsa per una prospettiva non effimera da offrire ai tanti e troppi giovani e meno giovani costretti all’emigrazione in cerca di lavoro.

Da professionista dei Beni culturali e da donna delle istituzioni mi auguro che il governo regionale faccia sentire la sua voce a tutela delle eccellenze lucane, provando a scongiurare decisioni che metteno a rischio posti di lavoro e competenze che hanno deciso di investire il proprio tempo e la propria vita nella nostra terra. A questo punto non ci resta che sperare anche in una nuova presa di posizione da parte del nuovo ministro Franceschini”.

Commenta l'articolo