“Spostare il concerto di Tony Hadley è l’ennesima beffa ai danni degli operatori turistici”. E’ il parere dei consiglieri comunali di Policoro, Enrico Bianco, Massimiliano Padula e Giuseppe Montano, per i quali “l’Amministrazione Mascia non riesce a fare nulla senza creare danni, divisioni e perdite di opportunità. Ultima in ordine di tempo la gestione del concerto di Hadley, previsto per l’11 settembre sul lungomare: è l’ennesimo pasticcio. Questo evento è stato pubblicizzato già da luglio pur non avendo atti amministrativi a supporto, tanto che è stato già oggetto di un’interrogazione a risposta orale che ha visto l’assessore Cacciatore arrampicarsi sugli specchi. A dimostrazione di ciò, gli atti sono stati fatti solo in questa settimana, dove con tranquillità, il 28 agosto, la Giunta comunale ha accettato la proposta dell’associazione “Orchestra in Magna Grecia”, protocollata il 27 agosto, certificando il mistero intorno all’opzione della data e l’ufficialità pubblicata già da luglio.

Come se non bastasse, l’Amministrazione ha compiuto un altro oltraggio agli operatori turistici, spostando la location dell’evento dal lungomare a piazza Segni. Una scelta che non si riesce a comprendere nella sua logica, visto che ci si era vantati di prevedere un evento a settembre per allungare la stagione estiva, tanto da pubblicizzarlo da luglio e, quindi, creando un minimo di aspettativa per gli operatori del lungomare, che già in questa stagione sono stati completamente dimenticati dalla programmazione. Invece, l’Amministrazione ha scelto di spostare l’evento in città, nella piazza anche più lontana dalle attività commerciali. Noi, ma soprattutto gli operatori, si chiedono il perché di tale scelta che sicuramente non potrà portare nessun valore aggiunto alla promozione turistica sia per il giorno infrasettimanale che per la location”. Per i tre coniglieri, in buona sostanza, “c’è veramente da riflettere sul rapporto che quest’Amministrazione ha con gli operatori turistici, vista l’ennesima beffa”.

Piero Miolla

Commenta l'articolo