E’ partita ieri, in Basilicata, l’attività dei 31 navigator lucani, che, da domani (11 settembre), avvieranno i colloqui con i circa 11mila beneficiari del reddito di cittadinanza, a cui sarà chiesto di sottoscrivere il “Patto per il Lavoro”. Dei 31 navigator lucani, 19 opereranno a Potenza e 12 a Matera, mentre la ripartizione dettagliata in base all’assegnazione per Centri per l’Impiego vede 4 navigator attribuiti al Cpi Valbasento di Pisticci, 5 a Matera, 3 a Policoro, 2 a Lauria, 5 a Melfi, 7 a Potenza, 3 a Senise e 2 a Villa d’Agri. Il “Patto per il Lavoro” che verrà sottoscritto mercoledì con i percettori del Rdc rappresenta, a tutti gli effetti, l’avvio della fase 2 del reddito di cittadinanza e servirà ad identificare le competenze possedute con la previsione che debba essere accettata almeno una delle tre offerte di impiego congrue che verranno avanzate.

In cosa consiste l’attività dei navigator? Riguarda le azioni di affiancamento e supporto ai Centro per l’impiego nelle diverse fasi previste dal reddito di cittadinanza, con l’obiettivo di garantire uniformità del servizio; l’attività di affiancamento e l’assistenza tecnica agli stessi centri per il supporto personalizzato e individualizzato ai beneficiari del reddito di cittadinanza; l’attività, il supporto e l’affiancamento ai cpi per il raccordo con il sistema delle imprese e finalizzate al raccordo con le strutture di istruzione e formazione per il patto di formazione. Ancora, l’attività di affiancamento e il supporto ai centri per l’impiego nel rapporto con i Comuni per il patto di inclusione nonché per il rispetto dei Lep (livelli essenziali di prestazione).

Tradotto in soldoni, i navigator che si affiancheranno agli attuali dipendenti degli 8 Cpi lucani si occuperanno di valutare i curricula e le esperienze lavorative realizzate in passato, che andranno incrociati con le offerte delle imprese. Essendo “solo” 31 i navigator lucani, dovranno occuparsi di circa11 mila beneficiari, con una media decisamente alta: circa 400 beneficiari del Rdc per navigator, rispetto ad una media nazionale di 250.

Piero Miolla

Commenta l'articolo