Oggi, domani e il 31 ottobre l’artista Giuseppe Fanizza incontra i cittadini per creare insieme un percorso di autocoscienza e responsabilizzazione sull’uso della fotografia come strumento di costruzione dell’identità dei luoghi.

Tre  incontri aperti a un pubblico partecipe sul tema della della massificazione – e conseguente semplificazione e omologazione – dell’iconografia del territorio materano come conseguenza della iper-produzione di fotografie da parte dei turisti e visitatori di Matera 2019.

Martedì 29, mercoledì 30 e giovedì 31 ottobre, alle 18, alla Fondazione SoutHeritage  l’artista Giuseppe Fanizza incontrerà giornalisti, fotografi, guide turistiche, artisti e quanti sono interessati allo studio e al racconto del territorio per creare insieme un percorso di autocoscienza e responsabilizzazione sull’uso della fotografia come strumento di costruzione dell’identità dei luoghi.

Quanto emergerà dai tre incontri sarà formalizzato nel Manifesto del Comitato Panorama Matera.

Frutto di un’azione collettiva e parte del progetto dell’artista Giuseppe Fanizza con la collaborazione di Matteo Balduzzi, curatore del Museo di Fotografia MuFoCo di Milano, il Manifesto del Comitato Panorama Matera sarà presentato il 15 novembre alla Fondazione SoutHeritage  per la terza sessione pubblica del progetto PADIGLIONI INVISIBILI: Beyond Heritage Fixing.

Coprodotto con Fondazione Matera-Basilicata 2019 nel quadro del programma ufficiale Matera 2019 Capitale Europea della Cultura, PADIGLIONI INVISIBILI è realizzato in partnership con ENSA – École Nationale Supérieure d’Art di Bourges, Francia; Global Grand Central di Stoccolma, Svezia; BAICR Cultura della Relazione e Human Ecosystem Relations di Roma.

Commenta l'articolo