Due sconfitte consecutive, una gara vinta sul campo ma persa a tavolino e, per concludere, oggi la complicata visita alla capolista Rotonda. Non è assolutamente un momento semplice quello che sta attraversando il Ferrandina di Mimmo D’Angelo. Dopo un buon inizio, infatti, la squadra aragonese ha fatto registrare qualche defaillance e, indubbiamente, la notizia della sconfitta a tavolino per il match vinto sul campo contro il Montescaglioso, che ha fatto precipitare la squadra in piena zona playout, non ha aiutato.

“E inutile girarci attorno – ha commentato D’Angelo senza giri di parole – c’è rammarico perché l’inizio del campionato aveva fatto sperare in un percorso più semplice. Così non è stato, invece. Ma a parte questo e guardando alla partita di oggi con il Rotonda, credo che non potesse capitare in un momento peggiore. Le vicissitudini della squadra, mi riferisco tanto infortuni agli infortuni quanto alle decisioni federali e all’ultima sconfitta in casa, hanno lasciato il segno”. Detto questo, però, il tecnico di Ginosa Marina ha anche aggiunto: “Ad onor del vero c’è anche fiducia nei ragazzi e nell’ambiente. Noi sappiamo perfettamente qual è il nostro campionato. E, tornando ad esempio all’ultimo incontro in casa, la prestazione dei ragazzi ci fa ben sperare perché, di fatto, è mancato solo il risultato. E’ chiaro che non è a Rotonda che possiamo prenderci il maltolto, ma certamente io e i miei ragazzi prima o poi ce lo riprenderemo. Questa è una certezza”, ha concluso D’Angelo.

Piero Miolla

Commenta l'articolo