Sarà un vero e proprio confronto diretto per la salvezza quello che andrà in scena oggi pomeriggio in casa del Ripacandida che attende il Ferrandina. Gli aragonesi, reduci dalla vittoria casalinga contro il Tolve, sono a quota 6 in classifica e precedono proprio gli avversari odierni, fermi a 5. Fino ad ora il Ripacandida, nelle due gare giocate in casa, ha ottenuto una vittoria larga (4-1 sul Real Tolve) e un importante pareggio per 2-2 con il Melfi. Morale della favola? I biancoverdi sono ancora imbattuti dinanzi al pubblico amico e l’incrocio con gli aragonesi, peraltro avversari diretti nella lotta per non retrocedere, rappresenterà per loro una tappa obbligata verso la vittoria.

Ovviamente anche il Ferrandina avrà lo stesso obiettivo: fare punti contro le dirette concorrenti e, per di più, fuori casa, è sempre molto importante. Peraltro, fino ad ora lo score esterno degli aragonesi autorizza un cauto ottimismo, visto che, nelle tre gare disputate in trasferta, è vero che sono arrivate due sconfitte e una vittoria, ma è altrettanto vero che gli aragonesi hanno perso a Lavello e Castelluccio, contro il Rotonda. Cioè con le due capolista a punteggio pieno. Quando, però, gli aragonesi hanno affrontato una diretta concorrente, il Real Senise, sono invece riusciti a portare a casa tre punti importantissimi. Tutto questo per dire che la gara sembra aperta e gli uomini di D’Angelo hanno tutte le possibilità di uscire dal terreno di gioco con un risultato positivo. Anche se D’Angelo ha ammonito: “Non sarà per niente facile, ma dobbiamo provarci”.

Piero Miolla

Commenta l'articolo