Convincente affermazione del Signor Prestito, che nella gara valida per la quarta giornata della serie A di calcio a 5, strapazza Arzignano battendolo per 7-1 e riprende la marcia positiva dopo la sconfitta di Mantova. In un Pala Saponara di Salandra nuovamente gremito, i ragazzi di Fausto Scarpitti iniziano a premere, ma passano solo dopo 7 minuti, grazie alla rete di Linhares. Per il raddoppio bisogna attendere altri 9 minuti: stavolta, al minuto 16, è Umberto Caruso a timbrare il cartellino battendo Pozzi. Il tris è solo questione di minuti: al 18’, infatti, lo serve Cristiano Fusari che chiude sul 3-0 il primo tempo in favore della sua squadra. Nella ripresa, come spesso accaduto in questo inizio di stagione, Comprensorio a valanga. Al 3’ è capitan Marcio Antonio Zancanaro a calare il poker. Dopo neanche un minuto Arzignano realizza la rete della bandiera con Ghouati, ma al 5’ il Signor Prestito ristabilisce le distanze con la rete di Decio Restaino. Le ultime due realizzazioni in casa Comprensorio Medio Basento arrivano all’11’, ancora grazie a Zancanaro, e al 19’ con Linhares che, come il capitano, risulta mattatore con una doppietta. Con i 3 punti ottenuti ai danni dei veneti, il Cmb balza nuovamente in testa alla classifica, in attesa che i campioni d’Italia in carica di Pesaro giochino la loro gara casalinga con Pescara: in caso di vittoria sarebbero proprio il quintetto marchigiano ad issarsi in cima alla graduatoria.

Grassano-Arzigano 7-1

Comprensorio Medio Basento: Weber, Zancanaro, Fusari, Caruso, Vega, Petragallo, Tobe, Pulvirenti, Linhares, Grippo, Restaino, Silletti, Nucera. All. Scarpitti

Real Arzignano: Pozzi, Marcio, Amoroso, Morillo, Claro, Sabry, Tumiatti, Kastrati, Borrelli, Ghouati, Molaro, Bastini. All. Lopez

Arbitri Lorenzo Di Guilmi di Vasto e Nicola Maria Manzione di Salerno

Reti: 7’ p.t. Linhares, 16’ p.t. Caruso, 18’ p.t. Fusari, 3’ s.t. Zancanaro, 4’ s.t. Ghouati, 5’ s.t. Restaino, 11’ s.t. Zancanaro, 19’ s.t. Linhares

Note: ammoniti Pulvirenti, Caruso, Morillo, Weber.

Piero Miolla

Commenta l'articolo