Esordio col botto per la Rasulo Edlizia Bernalda nel campionato nazionale di futsal di serie B. Il team ionico, allenato da Marcio Volpini, travolge, in trasferta, i cugini del Futura Matera per 2-7 ribadendo, a caratteri cubitali, gli ambiziosi obiettivi stagionali. Doppiette per Davide Fusco e Mario Gallitelli e reti di Donato Piliero, Orlando Bidinotti e Luiz Caetano. Soddisfatto Gallitelli, talento indiscusso della scuola Bernalda Futsal:

“Abbiamo fatto un buon primo tempo – dice il fantasista -. Giocando bene e chiudendo con un parziale favorevole di 5-0. Nel secondo tempo abbiamo commesso degli errori, subendo due gol, ma poi la partita si è incanalata nel verso giusto. Era importante partire bene. Siamo nati per essere protagonisti. Dobbiamo proseguire sulla strada intrapresa per conquistare il nostro grande obiettivo, che resta il salto di categoria in serie A2”. Una Rasulo Edilizia che ha dimostrato, dunque, carattere, oltre che forza tecnica. “Certo – aggiunge Gallitelli -. Il carattere, fuori casa, costituisce uno degli elementi essenziali. Ci vogliono, naturalmente, testa e gioco. Per quanto mi riguarda ho fatto due gol, dedicandoli a una mia zia, che vive a Matera, Anna Maria”.

Nella prospettiva immediata c’è, ora, la sfida casalinga di sabato prossimo, nel PalaCampagna, contro l’Alma Salerno, formazione sicuramente alla portata dei rossoblù bernaldesi: “Sulla carta affronteremo una squadra sicuramente inferiore come valore complessivo – conclude Gallitelli -. Tuttavia non bisognerà mai abbassare la guardia, tenendo alta la tensione, giacché non ci possiamo permettere cali di concentrazione”. Francesco Venere, responsabile marketing del Bernalda Futsal afferma: “Stiamo costruendo un progetto importante, a fronte di una squadra che sta già mostrando di avere qualità e voglia di emergere”. Il neo arrivato Piliero rileva: “Sono felicissimo di giocare a Bernalda.  Conoscevo l’ambiente, di cui ero stato spesso ospite, perdendo quasi sempre. Adesso, invece, sono passato dalla parte vincente”.

Angelo Morizzi

Commenta l'articolo