Neppure il tempo di rifiatare. L’Elettra Marconia, reduce dai fasti del campionato di Promozione, nel pomeriggio scende nuovamente in campo, alle 15, 30, per il secondo turno di Coppa Italia di categoria. I rossoblù di Pino Viola saranno ospiti dell’Atletico Rapone. Nel primo turno di Coppa il Marconia ha eliminato il Miglionico, mentre i padroni di casa hanno superato il San Cataldo Bella. Il tecnico Viola preferisce mantenere il profilo basso, anche all’indomani della vittoriosa gara casalinga di campionato contro lo Sporting Lavello, che ha riproiettato l’Elettra nelle zone alte della classifica:

“Non definirei la mia squadra matricola terribile – dice -. Dobbiamo rimanere un gruppo umile, coi piedi ben piantati per terra. Sia in campionato che in Coppa Italia. Contro lo Sporting Lavello, la partita si stava incanalando bene, ma poi abbiamo fallito ben due calci di rigore, rimanendo in dieci alla fine del primo tempo per l’espulsione rimedaita da Mario Natuzzi, al termine di un parapiglia. Non era facile fare la gara in dieci uomini, anche se abbiamo legittimato lo stesso la nostra vittoria. Una prova d’orgoglio – prosegue Viola – che ci fornisce gli stimoli giusti per andare avanti”.

Quanto al gruppo a disposizione, l’allenatore policorese aggiunge: “I ragazzi si impegnano. I frutti arriveranno nel tempo. Forse eravamo un po’ acerbi all’inizio, ma stiamo maturando. Non facciamo proclami. Obiettivo primario resta la salvezza. Tutto ciò che verrà in più sarà tutto merito nostro”. Il difensore Mario Natuzzi preferisce glissare sull’espulsione: “Non ne voglio parlare, perché credo che ci sia stato un errore da parte dell’arbitro Petralla”. Poi aggiunge: “L’Elettra ha buone potenzialità, ma anche alcuni limiti. Quindi è bene lavorare sui nostri punti forti, cercando di migliorare gara dopo gara. Pur in inferiorità numerica, quindi in situazione di difficoltà, è emersa la solidità del nostro collettivo. Quanto alla classifica e alla Coppa proveremo ad andare avanti contando sulle nostre forze“.

Angelo Morizzi

Commenta l'articolo