Attiva nel recupero della memoria storica e nella valorizzazione del patrimonio culturale regionale, la Fondazione Basilicata Futuro ha posto al centro delle proprie iniziative la necessità di riscoprire in chiave scientifico-divulgativa alcune tra le principali figure della storia lucana, capaci, attraverso il loro impegno e la loro eredità intellettuale, di contribuire allo sviluppo e al progresso generale delle idee e della conoscenza. Rientra sotto quest’ottica l’organizzazione – con il contributo e la partecipazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Calabria e di Lucania (Carical), della Direzione Generale Biblioteche e Istituti Culturali del Mibact, della Provincia di Matera e della Città di Montalbano Jonico – del Convegno di studi “Francesco Lomonaco tra Illuminismo italiano e Illuminismo europeo, previsto per i giorni 11-12 ottobre 2019 a Montalbano Jonico e a Matera e primo appuntamento di una serie di iniziative incentrate sugli Illuministi e Riformatori lucani.

Nato proprio a Montalbano nel 1772 e morto a Pavia nel 1810, Lomonaco, nella sua poliedricità, rappresenta una fonte d’ispirazione e uno stimolo importante per chiunque desideri studiare e approfondire l’Età dei Lumi, cogliendone insieme lo spirito dei tempi e le tante contraddizioni.

Il Convegno intende offrire un quadro ricco e aggiornato delle ricerche e degli studi riguardanti non solo la vita, il pensiero e il lascito di Francesco Lomonaco, ma anche e soprattutto il contesto politico, culturale e sociale nel quale operò, con legami, implicazioni e interdipendenze di dimensione europea. Intende inoltre aprire un’importante finestra di dialogo e di riflessione con il presente e con le nuove generazioni attraverso il coinvolgimento diretto delle Scuole (in particolare dell’Istituto Comprensivo “N. Fiorentino” e dell’Istituto Superiore “Pitagora” di Montalbano Jonico) e un’intera sessione di lavoro – denominata “Dialoghi sull’Illuminismo-Antilluminismo” – dedicata all’attualità e alla declinazione contemporanea dei temi di matrice illuministica (come l’istruzione, la tolleranza e il diritto alla salute) affrontati capillarmente dal Lomonaco.

Il Comitato scientifico, presieduto dalla Prof.ssa Anna Maria Rao, docente Ordinario di Storia Moderna presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, ha dunque impostato il Convegno su uno schema di due giorni e quattro sessioni interdisciplinari, prevedendo la partecipazione di quindici relatori tra docenti e ricercatori universitari di Storia, Letteratura e Filosofia.

La Fondazione Basilicata Futuro ha contestualmente provveduto alla costituzione di un Comitato Promotore dell’evento, riscontrando la disponibilità a partecipare di Enti locali, Istituti universitari e Associazioni culturali di altissimo profilo, come il Consiglio Regionale della Basilicata, la Città di Matera, la Fondazione Matera Basilicata 2019, l’Università degli Studi della Basilicata, il Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne dell’Università “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara, l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Federico II di Napoli, la Società Italiana di Studi sul Secolo XVIII, l’Associazione degli Italianisti e l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici.

Commenta l'articolo