Vince di rigore il Grassano, ma il finale di partita è stato caratterizzato dalle proteste dei padroni di casa. Sotto accusa la condotta del direttore di gara, che ha concesso due penalty agli ospiti, il primo al 35’ della ripresa, il secondo a tempo ampiamente scaduto, entrambi trasformati da Daraio. Rigori che hanno consegnato la vittoria al Grassano.

In particolare, il Salandra ha contestato il secondo rigore, concesso per una spinta di Belmonte, che aveva già il pallone tra le braccia, a un calciatore ospite. Salandra due volte in vantaggio e sempre raggiunto: al 5’ Dimasi illude i suoi realizzando il provvisorio 1-0. Sul finire del primo tempo Camara pareggia, ma il Salandra va nuovamente in vantaggio al 16’ della ripresa con Kebbeh, anche lui dal dischetto. Poi, come detto, i due penalty contestati che hanno determinato il 3-2 in favore degli ospiti.

Salandra-Grassano 2-3

Salandra: Belmonte, Ferrara, Gaydarzhy, Luongo, Marraudino, Mastrosimone, F. Tarquilio, Bollettieri, Dimasi, Angelastro, Kebbeh. A disp. Mballo, Morelli, Tubito, Di Rocco, Venezia, Scarnato. All. D’Ascanio

Grassano: Dona, G. Calluso (’88), Di Palma, F. Daraio, Guarino, Dininno, G. Daraio, Camara, Di Trinco, Cimale, Tortorelli. A disp. Rafanaro, Becci, G. Calluso (’86), Garaguso, Pascale, Lapacciana, Gentile, Linsalata. All. Porzio

Arbitro: Paradiso di Matera

Reti: 5’ p.t. Dimasi, 45’ p.t. Camara, 16’ s.t. Kebbeh su calcio di rigore, 35’ s.t. Daraio su calcio di rigore, 52’ s.t. Daraio su calcio di rigore.

Piero Miolla

Commenta l'articolo