Di seguito il testo integrale di una lettera aperta ai cittadini di Policoro scritta dal capogruppo consiliare di “Più Policoro”, Benedetto Gallitelli.

“Carissimi concittadini, dopo aver riflettuto su alcune dichiarazioni di Mascia riportate in questi giorni dalla stampa, ho ritenuto opportuno fare alcune precisazioni circa l’affermazione: “irricevibile e fuori tempo” riguardante una mia proposta sulla gestione dei rifiuti urbani che avrebbe migliorato il servizio e fatto abbassare il costo dell’appalto.

Ricordo al sindaco che a seguito del fallimento della ditta Tradeco, nel consiglio comunale del 17/4/2019, in occasione dell’approvazione del bilancio di previsione, ho invitato il Consiglio di valutare l’ipotesi di una diversa gestione del servizio dei rifiuti urbani. Successivamente il 26/6/2019 il quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno pubblicava una mia nota dal titolo: Dal fallimento un’opportunità nella quale sostenevo che: “Con il fallimento della ditta che gestiva il contratto sui rifiuti, si presenta un’occasione più unica che rara, perché l’amministrazione comunale può valutare la divisione del bando sui rifiuti. Tale proposta comporterà vantaggi per le famiglie, commercianti, artigiani, imprenditori sia economicamente che del decoro urbano. Continuare a rinunciare a tale opportunità certificherà l’incapacità a governare”. Inoltre il 23/09/2019 con prot. N. 27383 i consiglieri comunali: Modarelli, Gallitelli, Bianco, Padula Maiuri, Di Pierri, Montano, chiedevano alla presidente della Commissione Economica dott.ssa Carretta, la convocazione della commissione con all’ O.d.g.: Proposta rifiuti solidi urbani, ed anche questa richiesta è stata puntualmente disattesa.

Dall’excursus di cui sopra sì evince chiaramente che il sindaco e la maggioranza, da circa un anno sono stati più volte sollecitati a valutare la possibilità di migliorare il servizio e ad un costo più basso. La scelta di Mascia invece è stata quella di rifiutare il confronto, sposare la tesi dell’ass.re Marrese che comporterà un aumento dell’appalto di 1.500.000,00 euro pari ad un aumento della tassa rifiuti di circa il 10% alle famiglie, commercianti, artigiani, imprenditori e liberi professionisti.

Caro sindaco, accertato che il dialogo aiuta a pensare, da un punto di vista politico amministrativo il suo atteggiamento lo considero non solo negligente, ma si poteva evitare di apparire una persona molto disattenta agli interessi della nostra comunità. Infine in merito alla replica dell’ing. Vitale Marco, anch’essa pubblicata in questi giorni, faccio rilevare che mi sarei aspettato una valutazione esclusivamente tecnica, tenuto conto che nel dibattito politico sviluppatosi in Consiglio era stato invitato per riferire delle modalità tecniche dell’esecuzione del servizio più importante e costoso per i contribuenti di Policoro e non esternare imprudenti valutazioni politiche comparabili alle chiacchiere da bar.

Concludendo vorrei ricordare che il compito di un consigliere comunale è anche quello di portare a conoscenza dei cittadini lo svolgimento del dibattito politico e il clima in cui si sviluppa”.

Commenta l'articolo